Torna alla home page
Torna alla home page
La Chiesa

L'anno 1973 segna l'avvio della costruzione dell'attuale chiesa. L'attività per accelerare l'iter burocratico ed ottenere i prestiti necessari per compiere l'opera è intensa. Una prima gara d'appalto è andata deserta, la seconda ha esito positivo e i lavori vengono affidati alla ditta Parpaiola. A settembre l'area si riempie di attrezzature e materiale edilizio, ma per un lungo periodo non appare niente in superficie. La ragione sta nelle notevoli opere di consolidamento che si sono rese necessarie per l'edificazione della chiesa. Per settimane si introducono pali di cemento armato nel sottosuolo, prima di dare forma alle colonne portanti di tutta la costruzione.

Aprile 1974: pilastri portanti su pali di fondazione. Il solaio e il tetto della chiesa poggiano su 8 pilastri (1,20 m di diametro) che poggiano su 40 pali infissi di 18 m di lunghezza. Il 17 maggio 1975, vigilia di Pentecoste, è il giorno tanto atteso dalla comunità dell'inaugurazione e benedizione della nuova chiesa.
Alle 18.30 inizia la cerimonia presieduta dal Vescovo Bortignon che, seguito dai fedeli, procede alla benedizione dei muri perimetrali e del pavimento. Si tiene quindi una partecipata e commossa celebrazione eucaristica.
Comprensibile è la gioia di quanti hanno atteso questo evento, offrendo anche il loro impegno materiale. Viene organizzata una settimana di festa ricca di manifestazioni. Purtroppo alcune scritte contestatrici apparse sui muri della chiesa il mattino del giorno di Pentecoste provocano amarezza e anche rabbia per lo sfregio subito. A proposito di questi momenti don Luigi Kalb ricorda: <<E' stato un evento straordinario, ci fu un po' più di entusiasmo, la chiesa era anche più funzionale.. ma si era sempre i soliti. E' stato comunque un bene che la Comunità di San Bellino abbia cominciato in maniera povera, per poi arrivare man mano alla grande chiesa, anche se le scritte che apparvero sui muri contro la costruzione turbarono l'atmosfera e provocarono indignazione, stringendo la comunità in maniera solidale e attiva attorno al Parroco.>>
La concelebrazione presieduta dal Vescovo Mons. Girolamo Bortignon

Torna alla home page
Torna alla home page
pagina seguente